Prof. Francesco Silvestri

Laureato in Medicina e Chirurgia Università di Milano


Attività didattica

Ordinario di Psiconcologia Università Europea Roma           
• Ordinario di Bioetica  Università Pontificia Regina Apostolorum Roma
• Cultore della materia per la Fisica Medica e Biofisica Università degli studi di Torino 
 


Esperienza professionale


  • Interno in Patologia Generale ( Prof. F.D. Rezzesi) Parma (1970-1987)
  • Interno presso l’Istituto Vernes di Parigi ( 1980 )
  • Interno presso l’Istituto di Anatomia Patologica ( Prof. M.Stefani) (1988-1992) Università di Milano
  • Interno presso l’Institute fur Immuntherapie – IFI ( Prof. W.Helmbold ) - Mekesheim - Heidelberg (1992 - 1993)
  • Interno presso l’Istituto AHIT (Autologe immuntherapie secondo il Dr. H . Kief ) - Ludwigshafen (1993 - 1994)
  • Interno presso l’Istituto di Biochimica ( Prof. F.Canestrari) Università di Urbino (1997)


Attività di ricerca

  • Impiego delle Prostaglandine nella pratica clinica
  • Caratteri citomorfostrutturali del Carcinoma Broncogeno
  • Azione delle Citochine non ricombinanti nelle Allergopatie
  • Impiego delle Citochine non ricombinanti in oncologia: glioma , glioblastoma astrocitoma , linfomi
  • Utilizzo della Cancerometria di Verne nella diagnostica oncologica
  • Impiego del GSH unito ad un ponte disulfurico nelle epatopatie virali e immunità
  • Studio sulle interazioni della Fisica Molecolare e Farmacologia in oncologia e nei pazienti immunodepressi (1000 casi trattati)


Produzione scientifica

  • Autore o Coautore di 37 riviste e uguali recensioni di giornali
  • Autore o Coautore di 96 Abstracts di Congressi Nazionali e Internazionali
  • Autore o Coautore di 7 Capitoli di Libri in italiano e in inglese
  • Member of the Italian Chamber of Commerce and Industry in Australia Inc.
  • Iscritto alla Fondazione Centesimus Annus Pro Pontifice
  • Member of the Geneva Foundation for Medical Education and Research
  • Direttore Responsabile rivista “INCIPIT- etica della scienza e della società”



AHIT Therapie Cancro e Immunità

Referente per l’Italia relativo alla AHIT Therapie Cancro e Immunità


La terapia AHIT (Immunoterapia Autologa) è una forma di auto-emoterapia derivata dal sangue e dall’urina dei pazienti. Alcune frazioni cellulari e liquide vengono estratte e dopo essere state coltivate, separate, stimolate ed attivate con ozono e molte altre sostanze naturali.
La terapia AHIT agisce come autovaccino e viene restituito al paziente per stimolare la formazione di anticorpi diretti contro gli auto antigeni che spesso si trovano in quantità crescenti in molti processi patologici.
La terapia AHIT può aiutare a normalizzare la stimolazione delle cellule T-helper. Questo porta ad un equilibrio più sano del sistema immunitario. Inoltre, questo autovaccino Ha anche stimolato i modificatori della risposta biologica che innescano il sistema immunitario per combattere contro ciò che è autoimmune, malattie da immunodeficienza ed antigeni in generale. La somministrazione della terapia AHIT sotto forma di gocce, piccole iniezioni può essere effettuata dal paziente presso il proprio domicilio. Non ci sono effetti collaterali, essendo le preparazioni allestite con sostanze naturali. La terapia va somministrata nelle seguenti patologie: Cancro, Sclerosi multipla, AIDS, Artrite, Lupus erythematosus sistemico, allergie, psoriasi, eczemi. 

  • La terapia AHIT è combinabile con le terapie convenzionali.
  • Quasi nessun effetto collaterale.
  • Riduce gli effetti collaterali della chemio e/o delle radiazioni.
  • Migliora gli aspetti benefici della chemio.
  • Aumenta la qualità della vita. 


Vantaggi della terapia AHIT
1) Il corpo tollera le sostanze iniettate
2) La terapia personalizzata consente una reazione possibile in base alle condizioni del paziente.
3) Gli effetti sono quantificabili 
4) La somministrazione va dai 6 agli 8 mesi
5) Tempo di preparazione del farmaco sei settimane 

Inoltre, è indicato per le seguenti patologie oncologiche 
Polmonare
Bronchiale 
Glioblastoma 
Linfoma di Hodgkin  
Ovarico con metastasi epatiche
Linfoma a cellule B
Linfoma a cellule T
Sarcoma di kaposi 
Carcinosi peritoneale
Osteosarcoma metastatico
Medulloblastoma 
E altre

Profilo Dr. H. Kief


Dopo aver studiato a Heidelberg, Kiel e Friburgo e aver completato la sua tesi presso l'Istituto di radiologia dell'Università di Friburgo, e dopo diversi anni di pratica clinica, il Dr. H. Kief si stabilì come specialista a Ludwigshafen all'inizio degli anni '70.  Da allora, l'ulteriore sviluppo della medicina naturale e complementare e la loro simbiosi con la medicina convenzionale sono stati al centro del suo lavoro scientifico e pratico.  Molti dei processi che ha sviluppato sono diventati standard oggi.

Il Dott.  H. Kief tra le altre cose ha sviluppato l'ozonoterapia iperbarica, con la quale lavorano molti terapisti in tutto il mondo.  Nel 1978 è riuscito a dimostrare clinicamente gli effetti metabolici sui parametri colesterolo, trigliceridi e acido urico utilizzando questa terapia.  Nel 1983 è stato dimostrato l'effetto immunomodulatore delle miscele ozono-ossigeno nell'epatite cronica.  Un anno dopo, ha avuto luogo la scoperta di una reazione a catena catalitica attraverso miscele di O2 / O3 nel sangue umano e il suo utilizzo per la diagnosi precoce del cancro.  Anche con l'ozono-ossigenoterapia iperbarica, il Dott H. Kief da evidenza statistica della risposta immunitaria cellulare nei pazienti affetti da HIV.

Dopo la coltivazione in vitro di emocolture intere in atmosfera ozono-ossigeno, nel 1988 è iniziato lo sviluppo dell'immunoterapia autologa "AHIT" per il trattamento di malattie autoimmuni quali neurodermite, asma, reumatismi e altre malattie simili.  Tra il 1990 e il 2000, il Dr.  Kief ha realizzato una serie di lavori di fama internazionale sull'immunoterapia autologa in relazione a neurodermiti, psoriasi, asma e reumatismi.

Nel 2005 ha sviluppato il KT test (test di trasformazione della coltura), che dovrebbe costituire una nuova pietra miliare per l'ottimizzazione della diagnosi di tutte le malattie che possono essere trattate con AHIT.  Per il suo importante valore informativo, il test KT viene utilizzato anche in altri esami: più di 300 diversi agenti patogeni (antigeni e combinazioni) di natura batterica, virale o allergenica possono essere confrontati tra loro. Questo dà al terapeuta una visione del processo immunologico individuale.  I fattori scatenanti o cofattori delle malattie sono riconosciuti e possono essere convertiti in dichiarazioni diagnostiche.

Il Dott.  Kief ha scritto un gran numero di pubblicazioni su riviste nazionali, scientifiche e mediche e, in qualità di esperto riconosciuto, è stato invitato a circa 300 conferenze a congressi nazionali e internazionali.

Ha sviluppato più di 25 brevetti, di cui alcuni in campo medico immunologico